Federazione Internazionale Sci Federazione Internazionale Sci FISI FISI Comitato Alpi Centrali CONI Lombardia Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici

 

Homepage
Comitato provinciale
Giudici di gara
News
Iscriviti alla mailing list
 

 

 
 
     
 

Sci nordico

Archivio news
2018/2019: lug | ago | set | ott | nov | dic | gen | feb | mar | apr | mag | giu
Archivio news stagioni precedenti


23/09/2017
Sono Francesca Baudin e Francesco De Fabiani i vincitori della Sovere Bossico 2017. Valentina Maj prima negli U18

Francesco De Fabiani adotta una nuova tattica 

​rispetto allo scorso anno (nel 2016 perse la volata con Pellegrino) ​ 

e coglie il secondo successo al Trofeo Penne Nere. Un’accelerata nel finale gli consente di staccare Federico Pellegrino e Jean Marc Gaillard. In rosa si impone Francesca Baudin inseguita dalla junior Anna Comarella e dalla vincitrice uscente Lucia Scardoni. Entusiasmante la battaglia sui tornanti della strada da Sovere a Bossico. Alla chiamata del Gsa Sovere hanno risposto le stelle dello sci nordico dando vita a una gara dallo spessore internazionale. 

Per il settimo anno consecutivo, grazie allo sforzo organizzativo del Gsa Sovere, i comuni di Sovere e Bossico sono divenuti capitale italiana dello sci nordico, ospitando il Trofeo Penne Nere, gara di skiroll in tecnica classica su un percorso di 7,7 km e 575 m di dislivello. Ai nastri di partenza gli atleti della nazionale, dei corpi militari, di alcune formazioni straniere e, naturalmente, gli amatori, che per un giorno hanno potuto correre a contatto con i campioni. 

Sui tornanti della salita orobica molto nota in ambito ciclistico, che si presta perfettamente per ospitare una competizione di skiroll, si sono dati appuntamento 116 concorrenti (a cui vanno sommati una trentina di giovani della categoria allievi, che hanno gareggiato su un percorso di 6 km). Lo start ufficiale è stato dato alle ore 16.00 dal municipio di Sovere e la strada ha iniziato subito a salire. L’intenso forcing praticato dagli uomini delle posizioni di testa ha rapidamente allungato il gruppo. Nessuno però ha voluto farsi carico di trainare il plotone e così l’andatura nei primi chilometri ha subito un calo. 

La selezione è comunque avvenuta e al comando si sono portati una decina di atleti: la nazionale italiana, i francesi GaillardManificat e Parisse e il rumeno Pepene. La svolta negli ultimi due chilometri, quando si è avvantaggiato un terzetto composto da De Fabiani, Gaillard e Pellegrino. L’ultimo a resistere alla loro avanzata è stato Manificat. Sul rettilineo finale i tre hanno tentato il tutto per tutto in una lunga volata. L’ultimo ad evadere è stato De Fabiani, un’accelerazione efficace la sua, alla quale gli altri non hanno potuto rispondere. 

Il fondista valdostano in forza all’Esercito ha tagliato il traguardo nella piazza di Bossico a braccia alzate, ripetendo il risultato ottenuto nel 2014. «Lo scorso anno ero stato troppo ‘generoso’ dettando da subito l’andatura e la tattica non aveva funzionato. Quest’anno ho voluto impostare la gara in modo diverso, restando al coperto fino alla fine. Ho studiato Pellegrino, l’uomo da battere, negli ultimi metri non sembrava avere le forze per aumentare il ritmo così ci ho provato io, l’ho superato e l’ho battuto. Un bellissimo evento a cui cerco di non mancare mai, che cade a soli due mesi dalla stagione sciistica, una gara quindi molto utile ai fini della nostra preparazione. L’autunno è una fase delicatissima in cui non si può sbagliare nulla per poter giungere in condizione ottimale agli appuntamenti invernali». Francesco De Fabiani ha vinto in 26’09” precedendo Federico Pellegrino, secondo in 26’14”, e Jean Marc Gaillard, terzo in 26’17”. Nella top fiveMaurice Magnificat e Paul Pepene

Salita già due volte sul podio nelle passate stagioni, quest’anno Francesca Baudin, la valdostana delle Fiamme Gialle, ha centrato la vittoria. 31’37” il suo tempo finale. «Sono evasa dal gruppo femminile rispondendo all’attacco di Anna Comarella, l’ho raggiunta e superata ma vincere è stata durissima, lei stava rinvenendo su di me. Credo di aver vinto grazie alla testa, alla mia totale determinazione nei metri finali; ci tenevo moltissimo». In seconda posizione si è classificata Anna Comarella, la junior delle Fiamme Oro ha terminato la salita con un distacco inferiore a 1″. La vincitrice 2016 Lucia Scardoni ha completato il podio fermando le lancette su 31’39”. Nelle migliori cinque Elisa Brocard e Ilaria Debertolis

Buone notizie giungono anche dai giovani fondisti di Bergamoscia podio con Valentina May che vince tra le Aspiranti, Martina Bellini 3^ Juniores, e Nicola Fornoni 3° U23, mentre nell’assoluta il migliore è stato l’inossidabile Fabio Pasini 12°.

Soddisfazione in casa Gsa Sovere, sodalizio infaticabile che ha portato in provincia di Bergamo l’élite dello sci di fondo contribuendo in maniera determinante alla promozione della disciplina: «Tutto è filato liscio – ha dichiarato il vulcanico Daniele Martinelli al termine delle premiazioni -, la gara è andata bene, nessuno si è fatto male e il meteo è stato buono. A fine giornata possiamo ritenerci felici. Ringraziamo gli sponsor, i volontari e i collaboratori, in particolare Marino Maffessanti e Lidia Maffessanti, figure fondamentali che con me hanno lavorato tutto l’anno per portare a Sovere la manifestazione». 

Il Trofeo Penne Nere – Sovere Bossico Skiroll è stato organizzato dal Gsa Sovere con la collaborazione delle associazioni locali e il patrocinio di Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi, Comune di Sovere, Comune di Bossico, Provincia di Bergamo. Mainsponsor Elettrodotti Cantamessa e Selenia Metalli. 

 

- Classifiche

   


10/09/2017
Chiusa la Cdm di skiroll in Trentino, Emanuele Becchis e' secondo nella generale. Italiani dominatori fra gli juniores, oggi quarto posto per Luca Curti

 

Anche quest’anno Trento, il Monte Bondone e il nuovo circuito di Aldeno hanno avuto il compito di assegnare i titoli 2017 della Fis Rollerski World Cup. L’ultimo atto, ovvero la pursuit a tecnica libera sui 19 km per la senior maschile e 13 km per le categorie senior femminile e junior, è stato caratterizzato da quattro gare combattute e decise allo sprint. Al termine del circuito immerso nei meleti e vigneti di Aldeno, vincitori di giornata sono infatti risultati il rumeno Paul Constantin Pepene sull’andorrano Irineu Esteve Altimiras nella senior maschile, quindi la svedese Helene Soederlung sulla russa Svetlana Hvostunkova nella senior femminile, mentre fra gli junior doppietta svedese con Gabriel Strid ed Hanna Abrahamsson.

Svezia che si è aggiudicata anche la Coppa del Mondo per nazioni, al termine della tre giorni organizzata dall’Asd Charly Gaul Internazionale in collaborazione con l’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, grazie anche al prezioso ausilio del Comune di Aldeno, mentre le coppe di cristallo Fis di categoria sono andate allo svedese Robin Norum e alla slovacca Alena Prochazkova nell’assoluta, quindi ai due fratelli italiani cuneesi di Boves Francesco e Chiara Becchis nella categoria junior.

Tornando alla sfida pursuit con partenze in base ai distacchi accumulati nella prova di sabato sul Bondone, Paul Constantin Pepene si è preso la rivincita sul forte andorrano Irineu Esteve Altimiras, che lo aveva battuto il giorno prima per pochi secondi. Nel circuito di Aldeno i due hanno fatto gara di coppia, con l’andorrano che ha provato ad allungare nel leggero tratto in salita, per poi ricongiungersi e giocarsi tutto allo sprint, dove ha prevalso la forza di Pepene, che ha chiuso i 19 km del tracciato con il tempo di ‪1h10‬’28”. Argento per Irineu Esteve Altimiras, quindi terzo lo svedese Robin Norum, giunto dopo 31 secondi e capace di battere allo sprint l’altro romeno Petrica Hogiu. Primo degli italiani l’altoatesino Matteo Tanel (settimo), seguito dal vicentino Alberto Dalla Via e dal bergamasco Sergio Bonaldi.

Nella sfida al femminile in tre si sono giocate la vittoria allo sprint, con la svedese Helene Soederlund più lesta e grintosa di tutte e capace di lasciarsi alle spalle la russa Svetlana Hvostunkova e dell’altra svedese Sandra Olsson. Il tempo staccato dal terzetto è stato di 50’03”. La migliore delle azzurre è risultata Lisa Bolzan, quinta con due minuti di ritardo, ottava la sorella Anna, entrambe trevigiane di Orsago.

Nella junior maschile Francesco Becchis partito con un discreto vantaggio, si è fatto recuperare dallo svedese Gabriel Strid. I due si sono giocati il tutto per tutto con una lunga volata che ha visto prevalere lo scandinavo, entrambi con il tempo di 44’54”. Terzo posto poi per il lettone Raimo Vigants, seguito dall’altro azzurro Luca Curti. Ottavo poi Riccardo Lorenzo Maisero.

Si è decisa all’ultima pattinata pure la gara juniores femminile sui 4,9 km, con la svedese Hanna Abrahamsson capace di allungare di quel tanto che le ha consentito di trionfare sulla piemontese Chiara Becchis, che si aggiudica però la Coppa di cristallo. Sfida allo sprint anche per il terzo posto, con la bellunese Alba Mortagna più lesta nel precedere Chiara Gelmi.

Nella classifica finale di Coppa del Mondo trionfa anche quest’anno Robin Norum sull’italiano Emanuele Becchis e sull’altro svedese Victor Gustafsson. In campo femminile perentoria l’affermazione anche per Alena Prochazkova, seguita dalla svedese Sandra Olsson e dalla sua connazionale Helene Soederlund. La Coppa del Mondo junior parla italiano sia al maschile, sia al femminile. Francesco Becchis trionfa davanti al lettone Raimo Vigants e allo svedese Gabriel Strid. Al femminile Chiara Becchis conquista il titolo 2017 davanti ad Alba Mortagna ed Hanna Abrahamsson.


Coppe e medaglie Fis che sono state assegnate presso il teatro di Aldeno dalla responsabile del Comitato organizzatore Elda Verones, dal vicepresidente dell’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi Alberto Dalla Pellegrina, dal vicepresidente del consiglio regionale Lorenzo Ossanna, dal sindaco del Comune di Aldeno Nicola Fioretti e da Marco Ripamonti e Marco Zoller in rappresentanza della Fisi. Per gli organizzatori dell’evento non si tratta dell’ultimo appuntamento stagionale con lo skiroll, visto che il 14 e ‪15 ottobre‬ andrà in scena la Trento Roller ski Cup con validità nazionale.

 

 


09/09/2017
COPPA DEL MONDO DI SKIROLL FANTASTICA PRIMA DI LUCA CURTI A TRENTO

Fantastica vittoria di Luca Curti nella seconda giornata della tappa di Coppa del Mondo a Trento. 

Il 19enne dello sci club Roncobello si è infatti aggiudicato la prova individuale juniores di 4,7 km in tecnica classica disputatasi sulla salita del Monte Bondone precedendo per 16,8 secondi l’altro azzurro Francesco Becchis e per 28,2 lo svedese Gabriel Strid. 14° Angelo Buttironi (UBI Banca Goggi) che aveva chiuso 10° nella sprint di ieri. In campo femminile molto bene anche Chiara Gelmi 5^ (10^ nella sprint). Brava anche la goggina Giulia Cozzi (classe 2001) 12^.

Tra i seniores buona prestazione per Sergio Bonaldi che ha chiuso 6°.

Domani conclusione con la pursuit skating ad Aldeno.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


04/09/2017
Summer Cross Country a Forni Avoltri, i risultati della due giorni in Carnia - Tre podi "Bergamaschi"

Due giorni di skiroll sulla pista della Carnia Arena di Forni Avoltri, dove si sono svolti i campionati italiani con le gare sprint e sulla distanza nel Summer Cross Country con l'organizzazione impeccabile dello sci club Monte Coglians e dello sci club Cai Trieste. Ad aprire le danze sono stati Federico Pellegrino e Ilaria Debertolis, vincitori delle sprint. Il campine del mondo valdostano nell'ultima salita della finale ha scaricato tutta la sua potenza ed è riuscito a guardagnare quei metri che l'hanno portato in solitaria al traguardo davanti a Francesco De Fabiani e Dietmar Noeckler. Nella categoria femminile grande prova della giovanissima Anna Comarella, raggiunta soltanto nel finale da Ilaria Debertolis che l'ha sopravanzata. A completare il podio Caterina Ganz (Fiamme Gialle). Nelle categorie giovanili i titoli sono andati a Cristina Pittin (U20), Stefano Dellagiacoma (U20), Federica Cassol (U18) e Davide Graz (U18). Negli Under 20 maschi Stefano Dellagiacoma (Trentino) ha fatto valere le sue doti di sprinter che già lo avevano contraddistinto durante l'inverno. Per lui miglior tempo in qualifica e successo finale davanti a Simone Mocellini (Trentino) e 3° Angelo Buttironi (Alpi Centrali). Nelle Under 20 femminile Cristina Pittin (Friuli V. G.) ha nettamente surclassato le avversarie fin dalle qualifiche ed ha fatto valere il fattore campo. Ha vinto la finale davanti a Vittoria Zini (Alpi Centrali) e terza Martina Bellini (Alpi Centrali). Negli Under 18 maschi Davide Graz (Friuli V. G.) dopo una qualifica caratterizzata da una caduta in salita si è rifatto nelle fasi successive ed ha vinto davanti a Luca Compagnoni (Alpi Centrali) e Samuel Puntel (Friuli V. G.). All'Asiva è andato l'ultimo titolo italiano Under 18 con Federica Cassol che proprio sul finale ha preceduto l'atleta piemontese Elisa Sordello (Alpi Occidentali), terza Giulia Facen (Veneto).

Le prove sulla distanza hanno invece esaltato le caratteristiche di Francesco De Fabiani e Virginia De Martin Topranin. Il portacolori del Centro Sportivo Esercito ha nettamente dominato la competizione senior maschile disputata sulla distanza di 15 km, valevole per la Coppa Italia Sportful. De Fabiani è sempre stato al comando, dal primo all’ultimo metro siglando i migliori riferimenti cronometrici in ogni parziale. Il valdostano ora leader della classifica generale di Coppa Italia, ha preceduto di 13”25 un ottimo Dietmar Noeckler (GS Fiamme Oro). Terza posizione per un positivo Paolo Fanton (GS Carabinieri) distanziato di 57”13 dal vincitore. Tra le donne Virginia De Martin Topranin ha preceduto di 23” Elisa Brocard del Centro Sportivo Esercito. Terza a 25"  dalla testa la giovane Anna Comarella (GS Fiamme Oro) che sembra non avere problemi con il cambio di categoria. Sono stati assegnati i titoli italiani Under 23. Podio tutto del Centro Sportivo Esercito, con Lorenzo Romano (Cs Esercito), autore del 6° tempo assoluto, ha vinto precedendo i compagni di squadra Daniele Serra e Stefan Zelger. In campo  femminile la migliore è stata Anna Comarella che ha preceduto Monica Tomasini e Caterina Ganz. In campo giovanile hanno trionfato Cristina Pittin, Davide Graz e Luca Del Fabbro. Mentre tra le Under 18 ha vinto la piemontese Elisa Sordello che ha percorso i 5 km nel tempo di 16:27.5 davanti a Serena Oballa (Friuli) distanziata di 5" e Valentina Maj (Comitato Alpi Centrali) a 11"5, tra i ragazzi Graz dopo il successo del giorno precedente è riuscito ad imporsi sui diretti avversari anche sui 7,5 km con il tempo di 19:37.5, secondo Michele Gasperi (Alpi Centrali) distanziato di 41" e terzo Francesco Mazoni (Alpi Centrali) a 46"5. Tra le Under 20 femminile Cristina Pittin ha nettamente dominato la categoria e con il tempo di 22:14.1 si è imposta davanti alla piemontese Chiara Becchis giunta a 46"3, terza Alessia De Zolt Ponte (Veneto) a 1'32"2. Luca Del Fabbro ha vinto tra gli Under 20 e sul percorso dei 10 km ha fermato il cronometro sul tempo di 24'03"8, secondo Simone Mocellini (Trentino) a 17"9 e terzo Stefano Dellagiacoma (Trentino) a 20"2.

fisi.org

 
   
 
 
 
 
 
 
 
 

FISI Bergamo su FacebookFISI Bergamo su YouTube


Federazione Italiana Sport Invernali - Comitato di Bergamo
Via Gleno 2/L - 24125 Bergamo
info@fisibergamo.it - tel. 331.8803959


Cookie policy - Privacy policy
 
Federazione Internazionale Sci FISI FISI Comitato Alpi Centrali